Tutti gli articoli di Loriano

UNO STERMINIO DI STELLE – Sarti Antonio e il mondo disotto.

Share

Uno sterminio di stelle - Sarti Antonio e il mondo disotto (Mondadori 2017)Ovvero: l’anno dei grandi ritorni.

Eccolo qua: ho cominciato a pensare a Uno sterminio di stelle – Sarti Antonio e il mondo disotto, nel 2010.
Nel 2011 e nel 2012 ho raccolto dati e buttato giù i primi appunti.
Nel 2013 e 2014 ho abbandonato il progetto per dedicarmi, assieme a Francesco Guccini a La pioggia fa sul serio.
Nel 2015 ho lavorato a lungo e con grande piacere al romanzo Noi che gridammo al vento.
Uno sterminio di stelle – Sarti Antonio e il mondo disotto (Mondadori, 2017) l’ho completato quest’anno. È in libreria dal 27 giugno.
Il 2017 è l’anno dei grandi ritorni.
Spiego.
È tornato il commissario Soneri di Valerio Varesi, dopo anni di lontananza dalle librerie. Lo troverete nel romanzo Il commissario Soneri e la legge del Corano (Frassinelli, 2017).
È tornato il commissario De Luca di Carlo Lucarelli nel romanzo Intrigo italiano (Einaudi, 2017) dopo undici.
È tornato Sarti Antonio, sergente, dopo cinque.
Vuol dire qualcosa, credo. Almeno vuol dire che, nel panorama del romanzo di genere, i lettori scelgono i personaggi che funzionano, che lasciano un bel ricordo e li incontrano volentieri anche a distanza di anni. Come succede fra amici.
I tre personaggi hanno una particolarità che li accomuna: a modo loro sono degli onesti. In Paese che affonda sempre di più nell’illegalità. È difficile, credetemi, anche solo immaginare, ai nostri giorni, personaggi con quella caratteristica.
O è un difetto?
Fate voi.

Share

DUE NOTIZIE

Share

UNA  RIGUARDA Francesco Guccini e Loriano Macchiavelli…

Il  nostro primo romanzo è uscito nel 1997. L’ultimo (per ora) uscirà quest’anno, 2017: vent’anni di scrittura assieme.
Se non è un record, ci va vicino.
In questi venti abbiamo scritto sei romanzi, una raccolta di racconti, altri racconti pubblicati qua e là.
Il 15 maggio 2017, abbiamo finito il nostro ottavo libro. Il titolo: Tempo da elfi – romanzo di boschi, lupi e altri misteri.
Mercoledì  17 maggio abbiamo festeggiato a tavola, assieme all’editore, la conclusione del romanzo. Sarà in libreria a settembre. Nel frattempo vi anticipiamo l’inizio:

Capitolo 1
In giro per capre e lupi.

“Nessuno avrebbe saputo dire perché Paolino era chiamato proprio così, con quel diminutivo, che faceva pensare a un uomo esile, mingherlino. Invece Paolino era un omone, alto e molto robusto, con due mani forti che indicavano una lunga pratica ai lavori manuali di tutti i generi, una faccia tonda raramente sbarbata e una massa di capelli sale e pepe abbastanza folta, nonostante i suoi 65 anni. Era Paolino, così era conosciuto, Paolino e basta.”

… E UNA RIGUARDA SOLO LORIANO MACCHIAVELLI.

Il mio primo romanzo è uscito nel 1974. L’ultimo (per ora) si intitola Uno sterminio di stelle –  Sarti Antonio e il mondo disotto. Sarà in libreria martedì 27 giugno, 2017. Ci sono da quarantatré anni . Se non è un record, ci va vicino.
In questi quarantatré ho scritto di tutto: romanzi, racconti, teatro, sceneggiature, articoli che riguardano il genere giallo e noir, testimonianze sui tempi e sui romanzi che ho percorso e letto…
Vi anticipo l’inizio di Uno sterminio di stelle – Sarti Antonio e il mondo disotto.

PROLOGO
Anno 363 d. C.
Venuti per uccidere, uccisero.
Venuti per razziare, razziarono.

 “Dietro la cima di Montesole, l’alba era ancora lontana e, a ponente, la vetta aguzza del Vigese era nascosta da una pioggia che sfuriava a folate intense fin dalla sera precedente.
Erano quattordici. Erano armati.
Li guidava Sunno.”

Qualcuno si chiederà: Che c’entra Sarti Antonio, sergente, con il 363 d. C. e con il mondo disotto?
Chi vivrà, leggerà.
Saluti e buona lettura da
Loriano

Share

PROPOSTA DI LEGGE PER LA TUTELA DEI SENATORI E DEPUTATI CONDANNATI CON SENTENZA DEFINITIVA.

Share

La cancellazione della pena, ingiustamente inflitta dal Tribunale al Senatore Minzolini, decisa dal Senato della Repubblica Italiana il 16 marzo corrente anno, ha suscitato perplessità, interpretazioni e critiche del tutto ingiustificate. Per rendere pienamente legale tale decisione in modo che non ci possano essere equivoci,  propongo al Parlamento italiano di adottare la legge che segue, composta di 3 articoli e denominata
Legge per la tutela dei Parlamentari condannati.
Articolo 1-
I parlamentari che hanno subito una qualsivoglia condanna possono ricorrere a un quarto grado di giudizio appellandosi al ramo del Parlamento al quale appartengono. Tale organismo avrà l’obbligo di decretare che il parlamentare ha subito una immeritata condanna e ne ordinerà di conseguenza l’annullamento a tutti gli effetti.
Articolo 2
La decisione di cui all’articolo 1 è definitiva e non potrà essere modificata da nessun altro organismo dello Stato.
Articolo 3-
Il Parlamentare sarà reintergato nel suo ruolo e potrà chiedere allo Stato un equo indennizzo economico per il danno subito, l’entità del quale sarà lui stesso a stabilire.

Con l’adozione di questa legge, l’Italia tornerà ad essere il faro che è sempre stato nel mondo, in campo giudiziario. D’altronde, niente di più logico: chi fa le leggi (il Parlamento) le deve poi applicare onde evitare interpretazioni con non corrispondano allo spirito di chi  le ha concepite, pensate, stese e adottate.
Invito i miei lettori a mandare la loro firma al Presidente della Repubblica per sostenere la proposta.
Io l’ho già fatto e ho ricevuto la seguente risposta:
“Al momento il Presidente è fuori stanza. Appena rientrerà sarà nostra cura consegnarGli la sua pregiata petizione.”

Share

LETTERA APERTA

Share

Caro Michele Serra,
so che non leggerai mai questa mia, impegnato come sei in affari più urgenti e importanti. La scrivo per i miei lettori. Per in formarli.
Dunque, caro Michele Serra,
forse ti ricordi del sottoscritto: assieme abbiamo partecipato ad alcuni incontri durante i quali le nostre idee correvano sullo stesso binario. Ma si tratta di molti, moltissimi anni fa e oggi il binario non è più lo stesso. Non so, in coscienza, chi dei due abbia preso il binario sbagliato per raggiunge una destinazione che ci era comune.
Un amico mi ha fatto avere il tuo intervento (articolo? Brano teatrale? Scenetta comica? Semplici divagazioni?) su L’Espresso del 4 dicembre dal titolo La Nuova Costituzione fascio-grillina.
Con molto ritardo desidero farti sapere cosa ne penso, anche se so che non te ne frega (come vedi uso un linguaggio fascista) niente.
Non ho avuto l’impressione che sia stato suggerito dall’ironia che spesso sta nei tuoi scritti. Né mi sembra un brano comico sul referendum costituzionale, che è finito come sappiamo.
Ci ho trovato molto rancore verso chi non ha votato come avresti voluto tu. Un rancore neppure nascosto specie là dove tratti il Partigiano come un povero suonato incapace di intendere.
Forse hai dimenticato che è proprio grazie a quel partigiano (il quale,  oggi, a novanta’anni e più, può permettersi di essere un po’ sordo), se tu oggi scrivi ciò che vuoi e ti è consentito pure di offendere le opinioni di chi, ripeto, non ha votato come avresti voluto tu.
Per scrupolo: vuoi vedere che mi sono sbagliato a votare no? Per scrupolo ho riguardato la famosa e preziosa (in quanto ormai oggetto da museo) Costituzione boschirenziana e non l’ho trovata molto meglio di quella che avrebbero potuto scrivere gli squallidi personaggi della tua scenetta.
Anzi, in certi passaggi, l’ho trovato addirittura migliorativa.
Questione di opinioni.
Con il mio risentimento.
Loriano
PS, Il brano al quale faccio riferimento lo trovate:
http://espresso.repubblica.it/opinioni/satira-preventiva/2016/11/30/news/la-nuova-costituzione-fascio-grillina-1.289705
lor .

Share