Magnus

Share

Omaggio a Magnus

Avendolo conosciuto e stimato, Loriano Macchiavelli desidera rendere omaggio al talento del grande autore di fumetti Magnus, nome d’arte di Roberto Raviola (Bologna, 31 maggio 1939 – Castel del Rio, 5 febbraio 1996).

Nelle pagine successive (vedi i link a fondo pagina) una chicca per gli estimatori del disegno dai tratti marcati, caratteristico della mano di Magnus. Loriano Macchiavelli ha la fortuna, che intende condividere in questo spazio, di avere gli originali dei bozzetti preparatori di molte tavole realizzate per Sarti Antonio e il malato immaginario.
Le tavole vennero preparate  appositamente per il racconto, che apparve a puntate tra gennaio e dicembre 1987 sulla rivista Incontri 2000, diretta dal cineasta Renzo Renzi. Fiorenzo (decibel) le ha animate, grazie all’uso di un semplice effetto Flash, per meglio evidenziare la tecnica di lavoro dell’artista.
Con delle veline in acetato, da sovrapporre allo sfondo, Magnus creava lo storyboard, modificava, affinava, fino a raggiungere il risultato voluto. La tecnica dei layer di Photoshop in versione artigianale, senza uso del computer.

Magnus è presente e vivo in libreria e in rete come pochi altri suoi colleghi.
La prematura scomparsa non ha affievolito la passione con cui i suoi fans lo hanno imparato a conoscere, apprezzare, amare. Magnus è probabilmente l’unico disegnatore di fumetti italiano le cui opere vengono costantemente ristampate.

Nel 1988 esce per i tipi di Cappelli la prima, sontuosa edizione diSarti Antonio e il malato immaginario Cappelli 1988
Sarti Antonio e il malato immaginario.

La soluzione album grande formato fu scelta proprio per raccogliere e valorizzare quella fortunata storia a puntate, combinazione tra un giallo duro, denso, pieno di colpi di scena come quello uscito dal pennino di Loriano Macchiavelli e dalla matita di Magnus. L’operazione editoriale piacque tanto da consigliare alla Dario Flaccovio Editore ad andare in stampa, nel 2006, con una ristampa più “normale” questa volta, cm. 21×15 e 320 pagine. La riduzione di formato sta forse un po’ stretta alle tavole ma ne conserva tutto il fascino e la forza comunicativa.

Sarti Antonio e il malato immaginario - Dario Flaccovio Editore 2006Interessante come Magnus ritrae Poli Ugo lo zoppo, l’archivista che affianca e a volte mette in ombra persino il protagonista, Sarti Antonio. Rimarchevole la differenza dei tratti tra il personaggio del Poli Ugo di Magnus e quello di Ferrarini nel film “L’archivista”, impersonato dal bravissimo Flavio Bucci nel 1985.

Sarti Antonio e il malato immaginario è l’unico omaggio che Magnus abbia reso alla sua città natale. Complice lo sceneggiatore, ironico, cinico, feroce, com’era nelle corde del disegnatore di Kriminal e Alan Ford ?

f.z.

Ed ecco i link:

Teppismo

Finestra

Tumulti

Piacere

Novità

Buona visione !

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sito ufficiale di Loriano Macchiavelli, scrittore

Share