principio economico

Share

Ho trovato questo commento al mio intervento Guerrepidemie, più sotto:
Buongiorno Sig. Macchiavelli,
dopo aver letto questa news ho la conferma che Lei non scrive troppo, anzi! Sono questi pseudo “economisti” che parlano troppo e non fanno il loro mestiere (quale sarebbe il loro mestiere?).
Grazie.
Grazie a te, caro lettore Fabrizio.
Gli economisti fanno il loro mestiere e lo fanno piuttosto bene. Lo deduco dal significato che il vocabolario Treccani dà alla parola “economia”:
Uso razionale del denaro e di qualsiasi mezzo limitato, che mira a ottenere il massimo vantaggio a parità di dispendio o lo stesso risultato col minimo dispendio…
A me pare sia proprio questo che stanno facendo i signori economisti: ottenere il massimo vantaggio con minor dispendio. Il problema è che il massimo vantaggio è solo per loro.
Noi, che siamo poveri ingenui, crediamo ancora che “economia” abbia l’antico, amato significato e di “parsimonia”. Per quelli come me e come te, caro lettore, “fare economia” significava spendere il meno possibile. Poi qualche genio…
Diciamoci la verità, bisogna essere dei geni per far credere al prossimo che fare economia significhi fare il bene comune e non gabbare chi è più sprovveduto.
Poi qualche genio ha pensato bene di comportarsi economicamente e cioè unire alla parsimonia un vantaggio il più alto possibile. Si chiama principio economico.
Buon Natale a tutti.
Macchia

Share

guerrepidemie

Share

La Fed, la banca centrale, promette di creare denaro come per magia ma negli uffici di JP Morgan Stanley si fanno già previsioni apocalittiche sui prossimi mesi, con un’economia sostanzialmente colpita da infarto e una disoccupazione che potrebbe salire al 10%, al 20%, forse al 30%, superando i limiti raggiunti nel 1930 durante la Grande depressione.
L’alternativa sarebbe rinunciare a drastiche misure di contenimento dell’epidemia e accettare decine di migliaia, probabilmente centinaia di migliaia di morti. Sembra impossibile ma è così: di fronte al Covid-19 il neoliberismo offre queste due alternative. Del resto, i milionari sembrano considerare il loro destino e quello delle loro famiglie come indipendenti dai destini delle società da cui estraggono le loro ricchezze: resta da capire se il sistema politico potrà reggere senza andare verso la disintegrazione o una qualche forma di brutale dittatura.

(Da Il Titanic del capitano Trump, di Fabrizio Tonello – MicroMega)

La mia convinzione è che dovremo passare dalla seconda opzione.
Se non ricordo male capitan Trump (mi raccomando, con la u italiana che dà maggiormente il senso dell’onomatopia) ha già avvertito i suoi elettori: saranno costretti a piangere centinaia di migliaia di morti. Più o meno era il senso delle sue parole.
D’altra parte, cosa sono le migliaia di massacrati da guerre in paesi sparsi qua e là per il mondo? Epidemie progettate e pilotate dall’economia. E non c’è vaccino che possa proteggerci dalle prossime.
Guerrepidemie!

Share

il tempo libero fa male

Share

Non faccio che scrivere e leggere. Il tempo che mi trovo a disposizione lo uso per scrivere, tanto: lo dimostrano gli interventi che sto facendo sul mio sito. E per leggere: molti sono i libri che si erano dimenticati di me. Le poche volte che guardo la televisione, mi prende l’angoscia. Non per ciò che vedo o sento. Per la miseria e la povertà di immaginazione dei conduttori, degli ospiti; per la stupidità dei giochini e dei telegiornali; per come si urla e si fa di tutto perché l’antagonista non riesca a esprimersi. In quest’ultima fatica, il campione indiscusso è un certo Sgarbi Vittorio. Sbraita offende, sputacchia, sbava. Insopportabile.

Io scrivo troppo, sì.
Ma è perché mi arrabbio e quindi sento la necessità di comunicare agli altri la mia rabbia nell’unico modo che ho: scrivendo. Non mi chiamano ad alcuna trasmissione radio, televisiva, giornalistica… E se mi chiamassero, non andrei. Ho qui il mio spazio. Lo uso per raccontare come questo coronavirus stia facendo emergere la parte peggiore dell’umanità.
Ho appena letto che, a causa della carenza di posti letto negli ospedali, qualcuno ha disposto che si scelga chi far morire e chi tentare di far sopravvivere. Gli articoli 2, 3 e 4 della nostra Costituzione non fanno distinzioni di età per quanto riguarda i diritti e doveri degli italiani. Ma nessuno batte ciglio.
Ho 86 anni e se il coronavirus deciderà di fare il nido nei miei polmoni, io sarò spacciato. Definitivamente. Per lasciare il posto letto a un giovane. Bene, prendo atto. Mi adeguo. Per forza. Ma sarà omicidio. L’assassino non sarà il medico che ha scelto. Saranno quei politici che hanno cancellato i piccoli ospedali che i nostri vecchi, con l’occhio avanti, avevano disseminato sul territorio. Saranno i corrotti e i corruttori che si sono mangiati i soldi destinati alla sanità pubblica. Saranno i cosiddetti manager che hanno cambiato il corso della nostra democrazia per quello che hanno chiamato svecchiamento di una società considerata obsoleta e fuori dai Tempi Nuovi.
Balle!

Non avrei mai pensato di essere un conservatore. E non lo sono, sento che non lo sono.
Che un medico decida se togliermi la vita o no, mi rompe, mi rompe forte. C’è qualcuno che ricorda gli articoli 2, 3 e 4 della nostra Costituzione? Sì, c’è, per forza.

Se dovrò andarmene per scelta di qualcuno che non sa neppure chi sono, cosa posso dare e cosa chiedo, se sono stato un onesto cittadino o un delinquente, ebbene, me ne andrò. Ma per favore, scegliete bene chi tenere al mondo al posto mio. Mi scoccerebbe molto che letto e ventilatore che spettavano a me venissero assegnati a Salvini .
Macchia.

Share

cult e non cult

Share

A distanza di 28 anni dalla messa in onda, ancora passa sul piccolo schermo la prima serie televisiva “Sarti Antonio, un poliziotto, una città”. E ancora gli spettatori mi scrivono per esprimere il loro parere, il più delle volte favorevole. E ne sono contento. L’ultimo è di Cortes che scrive:
“Sarti è un buon prodotto ma Coliandro è cult.”
Sono d’accordo ma, visto che ho (abbiamo) molto tempo disponibile, in questi giorni, vorrei precisare. Non per polemica, caro Cortes, né per fare archeologia. Per informazione.
Nel marzo del 1992 (ecco perché scrivo di archeologia), dopo la messa in onda della prima serie televisiva “Sarti Antonio, un poliziotto, una città”, uscì un saggio sulla rivista Sceneggiare la cronaca – la fiction italiana l’Italia nella fiction, anno terzo, di Milly Buonanno (sociologa e giornalista), Nuova Eri edizioni.
Fra le tante (e belle) informazioni e considerazioni sulla serie con protagonista Sarti Antonio (per la TV e chissà perché non più sergente ma ispettore), la Bonanno scriveva:

Ispirata ai racconti di Loriano Macchiavelli, uno dei più originali giallisti contemporanei (esponente di quella che può essere definita “la scuola bolognese”, oggi raccolta sotto il nome di “Gruppo 13”, la serie ha costituito un piccolo successo della stagione e guadagnato al protagonista il riconoscimento di “personaggio dell’anno”( col titolo di “Antonio Sarti brigadiere”, una prima serie era già stata prodotta e messa in onda alla fine degli anni settanta). Soddisfacenti, ma non strepitosi – una media prossima ai due milioni e settecentomila: bisogna tuttavia considerare la collocazione del programma in seconda serata, con inizio dopo le ventidue – i dati di audience non rendono conto della capacità di presa della serie: di cui testimonia invece sia l’attenzione della critica e della stampa in generale – larga e in complesso favorevole copertura nelle rubriche televisive, articoli su quotidiani e periodici – sia e soprattutto il fatto che “L’ispettore Sarti” sia diventato una sorta di cult per il suo ristretto ma appassionato gruppo di spettatori (un pubblico in larga maggioranza settentrionale, presumibilmente emiliano, e con una incidenza della componente maschile fra le più elevate nel panorama stagionale degli ascolti).

Cos’ho tentato di fare con questa mia squallida autocelebrazione, caro Cortez? Ho tentato di dimostrare che il pubblico stabilisce il suo cult a seconda delle epoche e dei gusti e ciò che ieri era cult, oggi non lo è più ma, per la storia, sempre cult rimane.

Share

la mano invisibile

Share

Per aiutarvi a sopportare l’inattività forzata alla quale siete sottoposti, ho pensato di sottoporvi alcuni brani presi qua  e là nella mia (troppo) ampia produzione letteraria.
Penserete: “Preferiremmo di no”.
Ci provo lo stesso.
Siamo ai domiciliari e il nostro carceriere è un tale coronavirus più invisibile della mano invisibile che teorizzavano alcuni filosofi. Per cui resto nell’invisibile e vi propongo una riflessione sulla mano invisibile, riflessione che ho scritto nel luglio del 2013, non ricordo più per quale occasione.

La mano invisibile in poche righe e certamente sbagliate.
Secondo il concetto liberale (Adam Smith?), una mano invisibile guidava l’economia e faceva sì che l’egoismo personale, alla fine; portasse benefici a tutti in quanto i beni frutto degli investimenti e degli sforzi della proprietà (capitalismo?) venivano ridistribuiti alla comunità.
Cioè, l’interesse personale era inevitabilmente l’interesse della comunità.
Personalmente e visti gli effetti del passato, ho molti dubbi che le cose si siano svolte in questi termini, ma andiamo avanti.
Oggi il neoliberismo (Michel Foucault?) è convinto di altro. Il neoliberismo sostiene che la mano che guida l’economia non solo deve essere invisibile, ma lo deve anche essere il risultato finale complessivo da raggiungere. Se abbiamo dei responsabili definiti e un fine altrettanto definito (per es. il bene della collettività) si andrà verso il totalitarismo perché si impone una direzione e quindi si costringe e ciò è contrario alla libertà individuale.
Forse un esempio (non mio, ovviamente), è più efficace. Eccolo:
se in regime di liberismo (sempre Adam) un politico avesse chiesto a un economista “Cosa possiamo fare per voi?” l’economista avrebbe risposto: “Laissez nous faire – Lasciateci fare”. Cioè, non create ostacoli legali al nostro lavoro.
Alla stessa domanda fatta oggi nell’epoca del neoliberismo, l’economista risponderebbe: “Fate ciò che vi diciamo noi”.
Come vedi, siamo nella situazione prevista dal neoliberismo e cioè, l’economia dirige la politica e non viceversa. Non so se sia un bene o un male. So che le cose non vanno bene anche se potrebbero andare bene.
Poiché nella società odierna (basata sull’economia) non appaiono all’orizzonte altre ipotesi oltre queste due, si tratterà di capire quale di esse potrebbe essere la meno drammatica per la comunità. Opzione più che difficile, impossibile perché nessuno (tanto meno gli economisti, figurati noi) può prevedere i risultati ai quali porterebbero entrambe le scelte. Lo sapremmo solo dopo, ma dopo ci sarà la possibilità di altre scelte?
Resta una mano invisibile (non sappiamo, cioè, a chi appartenga né quale direzioni indichi) che dirige le scelte fatte giorno dopo giorno nell’esclusivo interesse di chi la manovra, la mano invisibile. Scelte che perciò (per non essere programmate e per essere provvisorie – nel senso che cambiano continuamente) non sono prevedibili e saranno certo utili all’economia e, altrettanto certo, non alla collettività che, allo stato attuale, non ha alcun potere effettivo. Ha solo un potere figurativo, di inutile (e vorrei dire comica) rappresentanza.

Nel prossimo intervento, se avrete avrete la bontà di seguirmi, leggerete de La verità amletica.

Share

Sito ufficiale di Loriano Macchiavelli, scrittore

Share