il parere di due lettori

Share

insoddisfatti dell’acquisto di 33 indagini per Sarti Antonio (vedi articolo più sotto).
Il primo: Non avevo letto prima Macchiavelli ed ho pensato che questa raccolta di “casi” mi avrebbe aiutato ad avvicinarmi a Sarti Antonio. In realtà ho capito che non è il mio genere di lettura, lo dico con rispetto. Difficile da seguire, complicato nella descrizione dei personaggi…

Il secondo: Mi spiace fare una critica all’autore, che rispetto in modo assoluto, ma non è di mio gradimento il suo modo di scrivere, con quella ripetizione quasi maniacale di cognome, nome e ruolo del protagonista e degli altri suoi personaggi. Mi rendo conto che è un segno distintivo dell’autore, ma proprio non mi piace. E la trama dei racconti polizieschi è poco intrigante, con un finale spesso scontato.

La mia giustificazione, non richiesta ma proposta come scusante, è la seguente: Mi dispiace che i due lettori non siano soddisfatti. Hanno ragione tre volte: hanno pagato; non è il loro genere di lettura; la trama poliziesca è poco intrigante.
Forse si aspettavano un giallo classico. In circolazione ce ne sono a centinaia. Non vedo il motivo per mettermici pure io. Il lettore farà le sue scelte.
Anch’io, come scrittore, ho fatto delle scelte. Cerco di non ripercorrere strade letterarie fruste e sconnesse e di raccontare il mondo che mi sta attorno, naturalmente come lo vedo io. Che non sempre è come lo vedono gli altri.
D’altra parte, tutti i finali dei romanzi gialli classici sono banali. Io provo a raccontare la banalità della realtà e quindi della vita. Non sempre ci riesco. Mi scuso per questo.

Share

2 commenti su “il parere di due lettori”

  1. beh, mi spiace ,ma non posso proprio concordare con i due lettori scontenti…..Ho acquistato il librone, me lo sono goduto e trovo che ciò che per altri sarebbero difetti, per me me sono pregui oltre che la cifra specifica dell’autore!
    Va da sè che: De gustibus non est disputandum, quindi ognuno apprezza ciò che può e vuole, io ,nel mio piccolo, continuo ad apprezzare.

    1. Il grande pregio della letteratura è che si adegua alle possibilità del lettore. Si giustifica così il fatto che lo stesso romanzo ad alcuni piace, ad altri no e alcuni lo giudicano un capolavoro. Sarei molti preoccupato se tutti i miei 26 lettori fossero dello stesso parere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *